sabato 24 giugno 2017

DI SOLITO RISPONDIAMO BREVEMENTE MA FORSE VALE LA PENA .....

BREVE RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI :

1. In un articolo del 2015 proponiamo di inserire nel conteggio dei voti anche coloro che scelgono di non votare LEGGI ARTICOLO


2.  L'ESPRESSO nell'ultimo numero conferma la bontà del metodo e presenta un ragionamento su questi dati LEGGI ARTICOLO 

3. A questo punto proponiamo un confronto tra i dati ufficiali e quelle percentuali che risultano dai nostri conteggi fatti con il metodo condiviso dall'ESPRESSO. LEGGI ARTICOLO

4. RICEVIAMO due commenti che invitano a non praticare l'astensione dal voto perchè alla fine ci sarà sempre un vincitore e chi non vota non si fa valere. 


5. Ma questi commenti cosa hanno a che fare con il nostro post sul metodo dei conteggi. Forse meritano una risposta e in particolare la merita Fortuna Drossi che è un esponente politico cittadino conosciuto.

LEGGI LA RISPOSTA DI FAQTRIESTE :

SIAMO TORNATI AGLI SPLENDORI ASBURGICI - LIMES INTERVISTA IL PRES. D'AGOSTINO


"SIAMO TORNATI AGLI SPLENDORI ASBURGICI" 


10/05/2017

Conversazione con Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Orientale (Trieste).

a cura di Paolo Deganutti



LIMES In un’intervista alla Rai lei ha detto: «Il porto di Trieste sta rivivendo una fase florida come quella che aveva durante l’impero austroungarico». Che cosa intende?

D’AGOSTINO L’impero austroungarico aveva unificato il mercato di più nazioni: le merci potevano andare da Trieste a Praga senza incontrare confini. Con l’unione doganale europea è successo qualcosa di analogo, ripristinando le condizioni che avevano permesso la nascita e lo sviluppo del porto di Trieste.
Per quanto riguarda la situazione attuale: se andiamo a vedere i dati del Trieste Marine Terminal notiamo che negli ultimi mesi c’è stato un incremento significativo del traffico di container, settore meno performante nel periodo precedente. Questo risultato è dovuto in massima parte allo sviluppo dei collegamenti ferroviari verso l’Europa centrorientale, in particolare verso la Baviera e l’Ungheria.

LIMES Quale è l’attuale estensione della rete di collegamenti ferroviari del porto di Trieste con l’entroterra europeo?

D’AGOSTINO I collegamenti adesso vanno dal Lussemburgo fino a Budapest, con allacciamenti giornalieri dall’Europa centroccidentale a quella orientale. E ora anche fino a Kiel sul Baltico, con la possibilità di raggiungere la Scandinavia, aprendo di fatto il Corridoio Baltico-Adriatico.
Questo è stato possibile grazie alla riattivazione della dotazione infrastrutturale esistente, che consente a Trieste possibilità di sviluppo ferroviario maggiori rispetto ad altri porti, potenziando le infrastrutture già presenti nel porto ed eliminando inefficienze, costi e tempi della manovra ferroviaria. È stata importante la collaborazione con operatori a forte vocazione ferroviaria come i turchi della Ekol e della Un Ro-Ro, che hanno portato a Trieste il capolinea dell’autostrada del mare utilizzando i vantaggi del porto franco.

IL PORTO FRANCO DI TRIESTE PIACE A MITTELEUROPA E CINA


IL PORTO FRANCO DI TRIESTE PIACE A MITTELEUROPA E CINA. L’ITALIA È ALTROVE

10/05/2017

Lo scalo gode, unico in Europa, di completa extraterritorialità doganale. Lavora al 90% con l’estero ed è collegato via treno all’Europa centrale. Smista il 40% del fabbisogno petrolifero della Germania e il 90% dell’Austria. E interessa a Pechino. Roma latita.

di Paolo Deganutti



1. Lo status di porto franco internazionale dello scalo marittimo di Trieste è più noto all’estero che in Italia. Fondato dall’imperatore Carlo VI nel 1719, il porto di Trieste si è sviluppato, per merito della figlia Maria Teresa d’Austria, sino a divenire il porto dell’impero austroungarico, che all’epoca rappresentava il più grande mercato unificato europeo.

A seguito del Trattato di pace del 1947, il porto di Trieste ha conservato le sue peculiarità e i vantaggi dell’impianto normativo derivanti dalla legislazione speciale sia doganale sia fiscale.

GRANDE INTERESSE IN RETE DOPO LA PUBBLICAZIONE DEGLI ARTICOLI DI LIMES DA PARTE DI RINASCITA TRIESTINA



Come da tempo vi avevamo segnalato sul numero 4 di quest'anno della rivista LIMES e dopo l'iniziativa di discussione pubblica organizzata da Limes Club Trieste sono stati pubblicati un articolo a firma Paolo Deganutti e una conversazione - intervista con il presidente Zeno D'Agostino. 






Ora sono stati messi in rete dal blog Rinascita Triestina e quindi ve li proponiamo per la lettura anche sul nostro blog.













IL VESCOVO : NON SONO SORDO E SULL'AREA A CALDO DELLA FERRIERA HO SENTITO BENE

Servizio di TELE 4 che ringraziamo e che pensiamo di fare cosa utile nel condividerlo:


venerdì 23 giugno 2017

THE FUTURE OF NEWSPAPERS - IL FUTURO DEI GIORNALI

Il convegno torinese sul Futuro dei giornali ha chiuso le celebrazioni per i 150 anni del giornale LA STAMPA.


Noi non abbiamo partecipato e non abbiamo la possibilità di inviare qualcuno, l'inviato del blog. Eppure il Convegno ha visto la partecipazione di pezzi grossi dell'editoria mondiale ed era sicuramente un appuntamento importante.


In altri anni lentamente ci sarebbero arrivate le notizie relative al Convegno e magari qualcuno avrebbe raccolto gli interventi in un libro documentario dell'iniziativa. Tempi previsti almeno sei mesi. Ora provate a fare una prima valutazione del convegno organizzato da LA STAMPA con un semplice clic.

CLICCA SU IMMAGINE
Se clicchi su questa immagine avrai accesso ad un link - indirizzo dove troverai alcuni contenuti del Convegno di cui stiamo scrivendo. Ma prima di leggere anche solo una riga avrai capito qual è il tema del Convegno sul futuro dei giornali quando hai fatto il semplice gesto di cliccare sull'immagine e ti si è aperto un elenco di argomenti.


Abbiamo iniziato questo blog il 1° luglio del 2014 partendo dalla serie televisiva americana Newsroom  e ci siamo sempre occupati di informazione guardando attentamente il nostro piccolo territorio e quindi l'informazione locale, ma sapendo di vivere in un villaggio globale e segnalando di tanto in tanto alcuni spunti di un dibattito sui giornali nell'era delle reti.

Nulla vieta ad una buona idea o ad una pratica fruttuosa di nascere e svilupparsi nella lontana India oppure qui vicino a casa nostra. Per questo oggi vi consigliamo di iniziare la giornata cercando di capire qualcosa in più della informazione e del giornale che state leggendo bevendo un buon caffè.








mercoledì 21 giugno 2017

INIZIA LA VISITA IN PORTO ORGANIZZATA PER LA STAMPA PRIMA DELL'OPEN DAY IN PORTO


Iniziamo con questo video la visita del porto organizzata per la stampa in anteprima della giornata dell'OPEN DAY nel porto triestino.





PRIMI INTERVENTI AL CONVEGNO SUI PORTI DI TRIESTE E KOPER - ORGANIZZATO DALLA CGIL

Come annunciato ecco i primi interventi al convegno sui porti di Trieste e Koper organizzato dalla CGIL di Trieste.

















Per i partecipanti al Convegno era disponibile un servizio in cuffia di traduzione simultanea che ovviamente non possiamo fornire sul blog. Quando ce ne siamo accorti abbiamo cominciato a lavorarci e saremo presto disponibili a fornirvi la traduzioni necessarie. Per il momento accettate le nostre scuse.


COSOLINI E DIPIAZZA PER FARE IL SINDACO NON HANNO RACCOLTO OLTRE IL 30 % DEI VOTI

Mentre i dati ufficiali elettorali sul sito della Regione FVG continuano ad affermare che DIPIAZZA è diventato Sindaco alle ultime elezioni comunali con il 52,63 % dei consensi. ..... e continuano a scrivere che il precedente sindaco Cosolini ha governato il Comune di Trieste guadagnando al ballottaggio il 57,51% dei voti validi andiamo a fornirvi i dati reali.

Ora che il nostro metodo viene riconosciuto da un settimanale di livello nazionale possiamo tranquillamente affermare che Cosolini ha fatto il Sindaco dal 2011 al 2016 con il 29% dei voti e che Dipiazza è stato eletto al ballottaggio con il 24% dei consensi.

Di seguito i grafici relativi elaborati da FAQTRIESTE in base al metodo condiviso con L'ESPRESSO







NELLE ELEZIONI COMUNALI A TRIESTE DEL 2011 il partito del non voto era a quota 50& e nel 2016 era arrivato al 54%

I CONTI GIUSTI ALLE ELEZIONI - FAQ TRIESTE AVEVA RAGIONE

E' STATO NECESSARIO CHE IL FENOMENO SIA PROPRIO EVIDENTE PER FAR SI CHE ALTRI SE NE ACCORGANO E COMINCINO A FARE I CONTI GIUSTI.

PER ESEMPIO IL DIRETTORE DELL'ESPRESSO DI QUESTA SETTIMANA NELL'EDITORIALE SCRIVE CHE :


 " Nelle nuove torte elettorali, pubblicate su questo numero, che mostrano le percentuali del voto per la prima volta abbiamo inserito a fianco dei partiti tradizionali il "partito" del non-voto. "





NOTA DI FAQTRIESTE : Sarà la prima volta per L'ESPRESSO ma noi di Faq Trieste abbiamo spiegato e fornito i dati elettorali con questo sistema che oggi anche L'ESPRESSO giustamente comincia ad usare. Vai all'articolo dell'8 aprile 2015 dove Faq Trieste illustrava questo modo giusto di calcolare il reale seguito di voto dei vari candidati.


Leggi ora lo stesso metodo spiegato dall'Espresso: